HomeComunicazioneParla A Te Stesso Per Ritrovare Motivazione

Parla A Te Stesso Per Ritrovare Motivazione

Ritrovare motivazione

Parla A Te Stesso Per Ritrovare Motivazione

“Perché non ho niente da dire alle feste?” Questa è probabilmente una delle domande più frequenti poste da introversi. Vedete un uomo chiacchierare con una bella signora al bar e la domanda successiva viene, “Perché non posso essere come quel ragazzo laggiù?” Ecco come fare per ritrovare motivazione.

Il parlare con se stesso è piuttosto comune tra introversi. In questo articolo vediamo come utilizzare questa tecnica per aiutare gli introversi a sentirsi più sicuri, aiutarli a inseguire i loro sogni, e avere più successo.

Ritrovare Motivazione Agendo dall’esterno verso l’interno

Un recente studio condotto presso l’Università del Michigan ha scoperto che utilizzando uno spostamento linguistica sottile “voi” (o il proprio nome) invece di usare “io”, siamo in grado di cambiare il nostro modo di sentirci e di comportarci. La ricerca ha aggiunto che parlando a se stessi in una visuale in prima persona, usando la parola “io” per tutto il tempo può effettivamente non portare l’amore e l’accettazione.

Se prendiamo l’introverso come menzionato nel paragrafo di apertura come un esempio, e usando la visuale in terza persona quando si parla a se stessi in silenzio, non solo sarà una iniezione di fiducia, sarà anche un rimodellamento interno dei loro punti di vista. Invece di dire: “Perché non posso essere come quel ragazzo laggiù?”, l’introverso potrebbe usare il proprio nome e dire: “Andiamo Charlie, si interagisce in modo diverso e in contesti più intimi”.

In questo modo, il nostro protagonista sta ingannando la sua mente a pensare che lui è un’altra persona. Come fosse un outsider a guardare, si possono portare benefici reali in termini di fiducia e di pensiero positivo.

Prima Persona vs terza persona

Un ulteriore studio è stato condotto per determinare le prestazioni dei partecipanti che utilizzano contrastanti approcci mentali a un discorso.

Prima gli è stata concessa una preparazione di 5 minuti per il loro intervento, poi sono state date ulteriori istruzioni su come prepararsi. Ad un gruppo sono state date istruzioni per analizzare i loro sentimenti prima di fare il loro discorso nella visuale in prima persona, con i pronomi “io” e “mio”. Per il secondo gruppo, sono state date le istruzioni per analizzare i loro sentimenti con una vista non in prima persona, e con i pronomi “voi”, oppure “lui / lei”.

Prima e dopo aver fatto i loro discorsi, i partecipanti sono stati condotti in una stanza tranquilla per completare un modulo di valutazione d’animo. Due programmatori poi hanno guardato i discorsi e dato un voto su fiducia, nervosismo, e prestazioni complessive.

Il risultato? Il primo gruppo si è sentito significativamente peggiore, prima e dopo il discorso, mentre la vista del gruppo non in prima persona ha registrato umori stabili e si sentiva più positivo dopo aver dato il discorso. Ancora più importante, la vista del gruppo non in prima persona che ha dato discorsi migliori con più fiducia rispetto al gruppo in prima persona.

Tempo di cambiare

In generale, per ritrovare motivazione gli studi hanno dimostrato che utilizzando i pronomi come “voi” o il proprio nome al posto di “Io” nel nostro parlare di sé si tradurrà in minore ansia, prestazioni migliori e una migliore fiducia.

  1. Visione in Prima Persona

Sono un dipendente pessimo. Perché non posso sempre fare le cose buone la prima volta? Perché sono sempre raggiunto con tanta energia sul posto di lavoro, mentre gli altri sembrano così indifferenti e sono in grado di lasciare in punto? Perché non posso essere come loro?

  1. Visione in Terza persona

È necessario concentrarsi sul compito a portata di mano. Anche se si commettono errori, si può imparare da loro e non ripeterli più. Voi siete diversi e migliori di ciò che pensate di essere. Anche se vi manca l’esperienza, si può diventare il lavoratore migliore in ufficio.

Per ulteriori approfondimenti consigliamo di leggere anche Tecniche Come Avere Forte Automotivazione.

Vota Questo Articolo
Autore

info@docitalia.it

Lascia un commento

© Copyright © 2016 Tutti i Diritti Riservati Powered by Docitalia P.iva 03642110047 INFORMATIVA SULLA PRIVACY