HomeStile di VitaSaluteGli Scienziati Trovare Un Nuovo Trattamento Per Curare l’Alzheimer

Gli Scienziati Trovare Un Nuovo Trattamento Per Curare l’Alzheimer

Curare l’Alzheimer

Gli Scienziati Trovare Un Nuovo Trattamento Per Curare l’Alzheimer

L’Alzheimer, una delle alterazioni mentali più devastanti nella nostra società con quasi 30 milioni di persone in tutto il mondo che soffrono. Gli scienziati sono continuamente alla ricerca di modi per curare l’Alzheimer rallentando il processo di deterioramento o invertendolo nello sforzo di aiutare le persone colpite dalla malattia – sia i malati e i loro cari. Un team di scienziati potrebbe aver trovato un modo efficace per ridurre al minimo e anche invertire i segni di perdita di memoria grave. Il trattamento si è basato su piano personalizzato svolto in dieci pazienti che hanno sofferto di sintomi di demenza e principalmente concentrati sul farmaco, cambiamenti nella dieta, integratori vitaminici, la stimolazione cerebrale, e l’esercizio volto a modificare la chimica del cervello. I risultati dello studio sono stati sorprendenti con diversi pazienti che in realtà stanno mostrando meno segni di demenza.

In che cosa consisteva il trattamento per Curare l’Alzheimer

Finora non vi è stato alcun trattamento realmente significativo per l’Alzheimer e la malattia è comunemente controllata mediante farmaci che aiutano a rallentare la progressione della perdita di memoria e confusione – ma solo per un tempo limitato.

Il team di UCLA e l’Istituto Buck per la ricerca sull’invecchiamento in California, guidato dal Dr. Dale Bredesen, ha deciso di vedere se potevano concentrarsi su un piccolo studio guardando i cambiamenti dello stile di vita. Questo tipo di trattamento era già stato usato con successo in altre malattie croniche come le malattie cardiovascolari, il cancro, l’HIV e che suggeriscono un approccio terapeutico più ampio.

Si avvicinarono dieci persone alle quali era stato diagnosticato il morbo di Alzheimer o di un precursore alla malattia, come ad esempio i vari disturbi cognitivi, e arruolati in un ampio programma di 36 punti che prevedevano dieta, esercizio fisico, farmaci, ottimizzazione del sonno, e la stimolazione del cervello. Ogni partecipante ha un proprio piano personalizzato che è stato seguito per un periodo da 5 a 24 mesi.

I risultati

I risultati di questa ricerca sono stati sorprendenti. Non solo ha invertito la demenza in sé, ma il processo di inversione è stato in grado di essere sostenuto portando ad un importante passo avanti nel trattamento della malattia degenerativa.

Nonostante lo studio sia relativamente piccolo, i risultati sono significativi perché i pazienti coinvolti nel trattamento effettuato avevano almeno una copia di un gene chiamato apoE4 che si trova nel 65% dei malati di Alzheimer. Fino ad ora, i medici hanno evitato di far conoscere le probabilità di sviluppare l’Alzheimer, perché non c’era modo di prevenirlo. Tuttavia, con questi nuovi risultati sembra che è possibile trattare e anche prevenire la malattia prima che si sviluppi del tutto.

Risultati in pazienti individuali

Per mostrare quanto sia efficace il trattamento, ad uno dei partecipanti – un uomo di 60 anni – è stato fatto seguire un trattamento personalizzato per 10 mesi. Il paziente soffriva di gravi effetti del morbo di Alzheimer e la parte del suo cervello si era ridotto a un volume del 17% per la sua fascia di età. Dopo il trattamento, una risonanza magnetica ha mostrato che questo era aumentato al 75% – un risultato importante che ha migliorato le sue capacità cognitive. In altre parole, il suo volume del cervello assoluto è aumentato del 12%.

Un altro paziente, anch’esso di 60 anni, era sul punto di rinunciare alla sua attività dopo 11 anni di progressiva perdita di memoria e la sua capacità di partecipare a procedure quotidiane sufficienti è stata duramente colpita. Infatti, la sua memoria a lungo termine è stata del 3% per la sua età. Tuttavia, dopo soli 6 mesi col nuovo trattamento, la sua memoria ha migliorato così tanto che la sua capacità di ricordare gli orari di lavoro e le facce della gente gli ha permesso di portare avanti la sua attività. Continuando il trattamento per 22 mesi, aveva riacquistato gran parte della sua memoria perduta ed ora ha l’84% per la sua fascia di età.

Conclusione

Una notizia importante per tutti coloro che soffrono di questa malattia. I risultati sono così promettenti che stanno dando speranza per milioni di persone in tutto il mondo.

Vota Questo Articolo

weban.ct@gmail.com

Nessun commento

Lascia un commento

© Copyright © 2016 Tutti i Diritti Riservati Powered by Docitalia P.iva 03642110047 INFORMATIVA SULLA PRIVACY